Il posto auto si può vendere separatamente dall’appartamento?

posto-auto-condominialeLa Seconda Sezione Civile della Corte di Cassazione con sentenza n. 4733/2015 depositata il 10.3.2015 si é occupata di un caso specifico in cui l’appartamento era stato venduto separatamente dal posto auto dai proprietari che però avevano anche una mansarda costruita abusivamente.

Secondo la Corte:
“2.1. – La fattispecie in esame è regolata, ratione temporis, dall’art. 41-sexies della legge n. 1152 del 1942, che pone un vincolo di destinazione obbligatorio tra spazi destinati a parcheggio e cubatura totale dell’edificio, e determina perciò il sorgere di un diritto reale d’uso sugli spazi predetti a favore di tutti i condomini (ex plurimis, Cass., sez. 2^, sentenze n. 21003 del 2008; n. 15509 del 2011; n. 28950 del 2011; n. 1214 del 2012). 2.2. – La Corte d’appello, dopo aver accertato che il contratto di compravendita non aveva trasferito la proprietà del posto auto unitamente a quella dell’appartamento, ha ritenuto che i venditori potessero legittimamente non trasferire il diritto reale d’uso del posto auto, stante la riserva dello stesso all’unità abitativa realizzata ex post nel locale mansarda.

Ma la stessa Corte d’appello ha riconosciuto che si trattava di unità immobiliare abusiva, così acclarando l’avvenuta alterazione del rapporto tra superficie di parcheggio e metri cubi di costruzione, in danno del diritto degli acquirenti dell’appartamento a fruire del posto auto, sotto forma di diritto reale d’uso.
Il vincolo di destinazione, Imposto dalla normativa speciale richiamata, risulta nella specie eluso mediante l’alterazione del precedente standard urbanistico, attuata con
la realizzazione ex post di una unità immobiliare abusiva”.

Ecco il link al sito della Corte di cassazione dove si può leggere la motivazione per esteso.

Cass. Civ. Sez. II 4733/2015

Share