Il TAR Lazio annulla il regolamento per l’elezione dei Consigli degli Ordini forensi

image_pdfimage_print
togaIl TAR Lazio con sentenza n. 8332/2015 pubblicata il 13.6.2015  (ed altre due analoghe e coeve) ha parzialmente annullato il DM 170/2014 e cioé il Regiolamento per le elezioni dei Consigli degli Ordini degli avvocati.
Dalla motivazione si deduce che:
1) il numero di candidati in ogni lista deve essere max 2/3 degli eligendi;
2) il numero di preferenze esprimibili da ciascun elettore è pari ai 2/3 degli eligendi;
3) nell’esprimere il voto bisogna votare una quota di uomini e una quota di donne;
4) l’elettore può anche esprimere preferenze tutte a favore di candidati del medesimo genere, ma in questo caso non può esprimere tutti i voti a sua disposizione.

Download (PDF, 207KB)

FacebookTwitterGoogle+PrintGoogle GmailPrintFriendlyWhatsAppCondividi

Compenso avvocato e competenza territoriale

image_pdfimage_print

La competenza in ordine alla domanda d’ingiunzione per il pagamento del compenso proposta dall’avvocato contro il proprio cliente spetta al giudice del luogo in cui ha sede il consiglio dell’ordine al quale il professionista è iscritto al momento della proposizione del ricorso, ai sensi dell’art. 637, terzo comma, cod. proc. civ., norma sulla quale non ha inciso l’art. 14, comma 2, del d.lgs. 1° settembre 2011, n. 150, riguardante le sole controversie ora regolate dal rito sommario di cognizione.

Lo ha deciso la Corte di Cassazione con ordinanza n. 5810 del 23 marzo 2015 di cui segue la motivazione presente sul sito della Corte di Cassazione al seguente link

http://www.cortedicassazione.it/cassazione-resources/resources/cms/documents/5810_03_15.pdf

 

Sorgente: Compenso avvocato e competenza territoriale | Studio legale Avvocato Roberto Di Pietro

Nullità del test alcolimetrico (cd. alcoltest)

image_pdfimage_print
alcoltestLe Sezioni Unite Penali della Corte di Cassazione, con sentenza n. 5396  pubblicata il 5.2.2015, risolvendo un contrasto tra le Sezioni semplici, hanno stabilito:
– che la nullità a regime intermedio, derivante dalla violazione dell’art. 114 disp. att. cod. proc. pen. per il mancato avvertimento al conducente di un veicolo da sottoporre ad esame alcolimetrico della facoltà di farsi assistere da un difensore di fiducia, può essere tempestivamente dedotta fino al momento della deliberazione della sentenza di primo grado, ai sensi degli artt. 180 e 182, comma 2, cod. proc. pen.;
– che, in relazione all’art. 182, comma 2, primo periodo, cod. proc. pen., per “parte” sulla quale grava l’onere di eccepire la nullità di un atto nel caso in cui vi assista non può intendersi mai l’indagato o l’imputato, ma solo il difensore (o il pubblico ministero).
Ecco la motivazione presso il sito della Cassazione

http://www.cortedicassazione.it/cassazione-resources/resources/cms/documents/5396_02_2015.pdf

 

Pena accessoria e poteri del giudice dell’esecuzione

image_pdfimage_print

pena 2Con sentenza n. 6240 depositata il 12 febbraio 2015, le Sezioni Unite Penali della Corte di Cassazione hanno affermato il seguente principio: “L’applicazione di una pena accessoria extra o contra legem da parte del giudice della cognizione può essere rilevata, anche dopo il passaggio in giudicato della sentenza, dal giudice dell’esecuzione, purchè essa sia determinata per legge (o determinabile, senza alcuna discrezionalità) nella specie e nella durata, e non derivi da un errore valutativo del giudice della cognizione”.

Ecco la motivazione della sentenza nel sito della Suprema Corte

http://www.cortedicassazione.it/cassazione-resources/resources/cms/documents/6240_2015_p.pdf

 

Art 133 bis c.p.: prima pronuncia della Cassazione

image_pdfimage_print

Cassazione 2La Corte di Cassazione Sezione Terza Penale con sentenza N. 15449 dell’8.4.2015 si è pronunciata per la prima volta sul nuovo art. 131 bis c.p. che ha introdotto l’istituto della condizione di non punibilità del fatto per particolare tenuità introdotto dal DL.vo 28/2015.

La Corte considerando la norma di diritto sostanziale ne ha sancito l’applicabilità anche ai giudizi in corso.

Ecco la motivazione della sentenza dal sito della Cassazione.

http://www.italgiure.giustizia.it/xway/application/nif/clean/hc.dll?verbo=attach&db=snpen&id=./20150416/snpen@s30@a2015@n15449@tS.clean.pdf

via Gramsci 41 – 67051 Avezzano – Tel e fax 0863 414530 / 0863 22278 Email studiodipietro@gmail.com