Imputato minorenne: non si applica l’art. 131 bis c.p.p.

La Seconda sezione Penale della Cassazione ha affermato che, nel processo a carico di imputati minori, non trova applicazione la previsione dell’art. 131-bis cod. pen., in quanto la materia è già regolata dall’art. 27 del d.P.R. 22 settembre 1988, n. 488, norma avente carattere di legge penale speciale. Si tratta della sentenza n. 49494 / 2019 (ud. 11/09/2019 – deposito del 05/12/2019).
Share

Attribuzione di procedimenti al tribunale monocratico o collegiale per ragione di connessione

Corte di Cassazione Sezioni Unite Penali Sentenza del 18/04/2019, pubblicata il 29/11/2019, n. 48590 Attribuzione di procedimenti al tribunale monocratico o collegiale per ragione di connessione – Momento di determinazione degli effetti della connessione – Rinvio a giudizio – Conseguenze. Le Sezioni Unite hanno affermato che l’attribuzione del procedimento alla cognizione del tribunale in composizione monocratica o collegiale, determinata da ragioni di connessione, va valutata con riferimento al momento in cui ha luogo il rinvio a giudizio sicché, qualora in udienza preliminare venga meno il Continue reading →
Share

Sorveglianza speciale e partecipazione a pubbliche riunioni

Corte di Cassazione Sezioni Unite Penali Sentenza n. 46595 ud. 28/03/2019 – deposito del 18/11/2019 Misure di prevenzione SORVEGLIANZA SPECIALE – INOSSERVANZA DELLA PRESCRIZIONE DI NON PARTECIPARE A PUBBLICHE RIUNIONI – RIFERIBILITÀ ALLE SOLE RIUNIONI IN LUOGO PUBBLICO – SUSSISTENZA. Le Sezioni Unite hanno affermato che la prescrizione di non partecipare a pubbliche riunioni, che deve essere in ogni caso dettata in sede di applicazione della misura di prevenzione della sorveglianza speciale di pubblica sicurezza ai sensi dell’art. 8, comma 4, del d. lgs. n. Continue reading →
Share

Restituzione atti al PM per mancanza di adeguata fascicolazione.

Corte di Cassazione Sentenza n. 46139 / 2019 (ud. 29/10/2019 – deposito del 13/11/2019) Procedimento penale RICHIESTA DI RINVIO A GIUDIZIO – PROVVEDIMENTO DEL G.I.P. DI RESTITUZIONE DEL FASCICOLO AL P.M. PERCHÉ MANCANTE DI ADEGUATA FASCICOLAZIONE – ABNORMITÀ – SUSSISTENZA – RAGIONI. La Sesta Sezione ha affermato che è abnorme il provvedimento con cui il giudice per le indagini preliminari restituisca al pubblico ministero il fascicolo trasmesso con richiesta di rinvio a giudizio in quanto privo della fascicolazione prevista dall’art. 3 reg. es. cod. proc. Continue reading →
Share

Permessi premio e pentimento del condannato

Di seguito il Comunicato stampa pubblicato oggi sul sito della Consulta. Ufficio Stampa della Corte costituzionale Comunicato del 23 ottobre 2019 REATI OSTATIVI: LA MANCATA COLLABORAZIONE CON LA GIUSTIZIA NON IMPEDISCE I PERMESSI PREMIO PURCHE’ CI SIANO ELEMENTI CHE ESCLUDONO COLLEGAMENTI CON LA CRIMINALITA’ ORGANIZZATA La Corte costituzionale si è riunita oggi in camera di consiglio per esaminare le questioni sollevate dalla Corte di cassazione e dal Tribunale di sorveglianza di Perugia sulla legittimità dell’articolo 4 bis, comma 1, dell’Ordinamento penitenziario là dove impedisce che Continue reading →
Share

Social network ed illeciti penali.

La Terza sezione ha affermato che il reato di illecito trattamento dei dati personali, realizzato in forma di diffusione dei dati protetti – ex art. 167 del d.lgs. 30 giugno 2003, n. 196 vigente ratione temporis -, resi ostensibili ai frequentatori di un social network attraverso il loro inserimento, previa creazione di un falso profilo, sul relativo sito, ha natura di reato permanente, caratterizzandosi per la continuità dell’offesa arrecata dalla condotta volontaria dell’agente, il quale ha la possibilità di far cessare in ogni momento la Continue reading →
Share

Restituzione di dispositivi informatici sequestrati previa estrazione di copia.

La Quinta sezione della Corte di cassazione ha affermato che è legittimo il provvedimento con cui il tribunale del riesame, pur in mancanza di una richiesta del pubblico ministero, disponga la restituzione dei dispositivi informatici sequestrati previa estrazione di “copia forense”, trattandosi di provvedimento che non implica l’adozione di una nuova misura cautelare, ma il riconoscimento della legittimità di quella già eseguita. Si tratta della sentenza n. 42765/2019 ( ud. 09/09/2019 – deposito del 17/10/2019 ).
Share