Lavoratori statali: trattenimento in servizio …out

insegnantiAbolito l’istituto del trattenimento in servizio dei dipendenti pubblici che hanno già maturato il requisito per la pensione.

E’ stata pubblicata in GU n.101 del 4/5/2015, la tanto attesa e temuta Circolare Madia n.2/2015 della Funzione Pubblica in applicazione ed interpretazione del d.l. n.90/2014 convertito con modificazioni dalla legge n.114/2014, con le quali sono divenute operative le misure che abrogano l’istituto in uso presso le Amministrazioni Pubbliche, del cosiddetto “trattenimento in servizio”, contemplato nell’art.16 del d.lgs. n.503/1992 già abrogato dalla citata legge n.114/2014, facendo entrare a regime la fattispecie del “pensionamento d’ufficio” che, quale intervento legislativo, è volto a favorire il ricambio e il ringiovanimento del personale, nelle Pubbliche Amministrazioni.

Precisamente, il menzionato trattenimento in servizio era l’istituto in uso che consentiva al dipendente pubblico di permanere in attività di servizio per un ulteriore periodo, nella misura di due anni per funzionari e dirigenti pubblici, cinque anni per gli appartenenti alla Magistratura ordinaria, amministrativa, contabile e militare, nonchè per la categoria dei Professori Universitari, aventi tutti un diverso limite ordinamentale. Tale istituto si configurava, quasi alla stregua di un diritto soggettivo del dipendente, in quanto l’Amministrazione non poteva opporsi alla sua concessione se non motivando, puntualmente, le ragioni ostative del diniego all’istanza del richiedente.

Il trattenimento in servizio è stato, quindi, abrogato dalla recente riforma della PA e reso operativo con la summenzionata Circolare n. 2/2015 con la sola eccezione, è bene precisarlo, del suo mantenimento per quelle casistiche di lavoratori che non raggiungendo il minimo dei contributi previdenziali che danno diritto al trattamento pensionistico, ammontanti, da normativa in essere, ad almeno venti anni, cumulati anche con precedenti rapporti di lavoro e corrispondenti contributi, presso diversi istituti previdenziali. L’Amministrazione Pubblica, in questi casi, deve quindi permettere al lavoratore di proseguire nel rapporto di lavoro, sino al raggiungimento del “minimo contributivo” ovvero fino  all’età massima dei settanta anni, consentiti.

Sono fatti salvi i trattenimenti in servizio accordati con formale provvedimento emanato alla data del 31/10/2014. Di contro i trattenimenti concessi, ma non anche efficaci, al 25/6/2014, data di entrata in vigore del d.l. n.90/2014, si intendono “revocati” ex lege.

Relativamente al contenuto della Circolare n. 2/2015, la risoluzione unilaterale del rapporto di lavoro dovrebbe scattare quando il dipendente ha raggiunto i requisiti per la pensione, ossia i 42 anni e 6 mesi contributivi, per gli uomini, e 41 anni e 6 mesi per le donne, anche se non si è raggiunto il requisito anagrafico minimo dei 62 anni di età (per non avere penalizzazioni monetarie) previsto dalla famosa Legge Fornero fino a tutto il 2017.

Non di secondaria importanza, per il suo impatto collettivo e sociale, è la previsione, nella più volte enunciata Circolare Madia, di un “regime speciale” dei dirigenti medici e del ruolo sanitario come biologi, chimici, fisici, farmacisti, psicologi, compresi i dirigenti delle professioni sanitarie infermieristiche, tecniche della riabilitazione, della prevenzione e della professione di ostetrica, per i quali si prevede una esenzione dalla risoluzione unilaterale del rapporto di lavoro. Tale regime speciale si sostanzia con la previsione legislativa di cui alla legge n.183/2010.

Infine, sottoliniamo che l’esclusione della norma in trattazione, come declinata con la Circolare 2/2015, per gli appartenenti al ruolo delle Magistrature e dei Professori Universitari, si estende anche ai dirigenti di “strutture complesse” del servizio sanitario nazionale a cui effettivamente è assegnata la relativa responsabilità.

Stefano Olivieri Pennesi

(8 maggio 2015)

Articolo da ilquotidianodellapa.it

Link http://www.ilquotidianodellapa.it/_contents/news/2015/maggio/1431079184463.html

 

Qui il testo della circolare

Download (PDF, 200KB)

Share